Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop
 
Connetti
Utente:

Password:



Arabi in rivolta

Ocalan-Erdogan, il matrimonio è possibile

LA svolta curdo-turca questa volta sembra proprio poter arrivare in porto. E la possibile scarcerazione di Ocalan ci dirà di più.

redazione
domenica 1 marzo 2015 19:09

La dichiarazione di Abdullah Ocalan, che ieri ha chiesto al suo PKK di rinunciare alla lotta armata in un imminente congresso, con ogni probabilità nella grande festa curda del 21 marzo, è un fatto epocale per significato e possibili conseguenze, ma non ha destato grande interesse.

Ovvio, non è una brutta notizia. Ma la primavera non è ancora arrivata: che rondine sarà? A guardar bene i presupposti per un accordo storico ci sono tutti.

Erdogan guarda alle elezioni di giugno, e cerca una maggioranza ampia, che gli consenta di cambiare la costituzione in senso presidenziale. Anche Ocalan guarda al testo costituzionale, dove vorrebbe riconoscimenti e autonomia per i curdi. Un accordo prima del voto aiuterebbe entrambi.

Aiuterebbe anche chi guarda con preoccupazione ai chiamiamoli ammiccamenti di Erdogan all'ISIS. E' chiaro che il leader turco teme l'indipendentismo curdo: toglierlo dal tavolo lo rasserenerebbe, consentendogli di riavvicinarsi al resto del mondo dopo la sua deriva autoritaria e "isista".

Rasserenerebbe anche i turchi, che sono nazionalisti e certo non amano l'idea di indipendenza curda.

Il momento per la grande svolta potrebbe essere maturo, la follia Isis contribuirebbe dunque a dare frutti inversi al suo orrore. Un raffreddamento delle vie illegali turche peserebbe molto

. La scarcerazione di Abdullah Ocalan è all'ordine del giorno. Non rendersi conto di cosa significhi è proprio curioso.

Nonostante la deriva autoritario psicanalitica degli ultimi anni (basti vedere qualche foto del suo palazzo presidenziale) Erdogan dimostra di essere pronto a fare politica. E anche Ocalan.

Commenti