Globalist:


Americae

HSBC, la banca dei narcos

Dopo l'iper multa alla Exxon per il disastro del Golfo del Messico dagli USA arriva una supermulta alla HSBC per riciclaggio di denaro sporco. Un mix di droga e Iran.

redazione
martedì 11 dicembre 2012 11:33

Gli Stati Uniti infliggono una ipermulta da 1,9 miliardi di dollari alla banca HSBC e loro rispondono scusandosi, "è vero siamo stati un po' distratti." Vediamo un po' che hanno combinato.

Secondo l'accusa della commissione statunitense che la banca non ha minimamente contestato, la specchiata HSBC ha introdotto negli Stati Uniti, tramite la sua affiliata messicana, 7 miliardi di dollari in banconote, senza preoccuparsi di verificarne la provenienza. Per gli Usa erano il provento di narcotraffici. Difficile pensarla altrimenti.
Ma non sono stati "sventati" solo con la clientela col sombrero, alla HSBC, hanno anche eseguito in soli sette anni ben 25mila transazioni con l'Iran, proibite dalle sanzioni internazionali: inoltre hanno avuto assidue relazioni bancarie con istituti di credito sauditi tutti legati alla galassia di Al-Qaida e per non avere rimpianti hanno cooperato assiduamente con la Corea del Nord.

Quando al Senato statunitense hanno cominciato a darsi fare su di loro la banca ha fatto sapere di aver accantonato 1,5 miliardi di dollari per eventuali multe. C'erano andati vicino..."The importance of being Ernest", avrebbe detto un grande anglosassone come Oscar Wilde....